La sposa anni ’30: un “modello” da imitare!

Nell’epoca della hit “portami tante rose”, non poteva che far la sua comparsa il bouquet: una “comparsa” destinata a diventare una costante, un  elemento codificato dell’abbigliamento nuziale.

Stesso successo verrà condiviso da altre innovazioni dell’epoca: il modello della sposa, sinonimo – fino ai giorni nostri – di “sposa-modello”, nasce in questi anni e comprende un abito e un velo lunghi, rigorosamente bianchi.

Stoffe morbide, fatte aderire in vita, completano l’incarnazione della “Grazia” e della “Gioia” – titoli, per una felice coincidenza, di new entries nel panorama dell’editoria di moda di quegli anni.”

Questo slideshow richiede JavaScript.

TIPS

Gli anni 30 “si sposano” bene con appassionate della tradizione. Immancabili, allora:
– per L’ABITO: il colore bianco e la gonna lunga, spesso lunghissima a formare uno strascico scenografico. Le stoffe vengono scelte tendenzialmente morbide, da far aderire sul punto vita per evidenziarlo – ma senza esagerare.
– per i CAPELLI: molto usate romantiche acconciature raccolte. Ché niente possa distogliere da quel velo esagerato!
– per gli ACCESSORI: ridotti al minimo, ma compensati da uno splendido e raffinato bouquet.

 

(MR)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...